Cosa mettere in valigia è un argomento molto spinoso per ognuno di noi. Infatti, a seconda delle passioni degli hobby e del proprio carattere, le combinazioni e le priorità cambiano. Alla fine, fare la valigia significa saper fare un compromesso, un accordo tra cuore e ragione. Perché dico questo? Pensateci, tutte le volte che fate una valigia gli oggetti si potrebbero dividere in alcune categorie: gli “oggetti essenziali” (la base per ogni valigia, quindi ciò che è utile); i “possono servire” (che di solito sono i primi a essere scartati se il peso è eccessivo); gli “irragionevoli” (oggetti di poca utilità, ma che vogliamo portar con noi a tutti i costi) e infine i famigerati TOP 5. Quelli che per noi sono il perfetto connubio tra piacere e utilità.

Binari Paralleli, essendo il frutto di 2 menti che ragionano spesso in maniera differente, oggi vi propone due differenti Top 5: quelli di Davide, amante della natura e degli sport più estremi e quelli di Ida, amante delle metropoli, dell’arte e del comfort.

La top 5 di Davide

  1. La maglia tecnica/termina

    Iniziamo la mia lista con una cosa di cui non potrei mai fare mai a meno: la maglia tecnica d’estate o termica d’inverno. Entrambe facili da lavare, veloci da asciugare e adatte a ogni evenienza. Cosa intendo dire? Se scopro che lungo il mio itinerario c’è un’attività interessante (trekking, rafting, sky diving, ecc.) con queste posso affrontare la sfida senza pensieri.

  2. Stivali da trekking

    Per lo stesso motivo del punto precedente, ho sempre bisogno di avere con me di un bel paio di stivali per il trekking, molto comodi e quindi adatti alle lunghe camminate e che, in più, mi assicurano di non perdere nessuna occasione (come un’avventura improvvisa nella natura selvaggia).
    Io uso uno stivaletto in Goro-tex della marca Crispi: i “Tiger”; comodi come le scarpe da ginnastica, e inoltre, impermeabili, caldi, con supporto alla caviglia e suola in vibram. In due parole: il top.
    Per farvi un’idea, cliccate qui: https://goo.gl/9ik9ke
    hiking-1312225_1280

  3. La mia micro sd

    Visto come ho iniziato la mia lista, questo oggetto potrebbe avervi colto di sorpresa.
    La micro-sd, già piena. Proprio così. Non è un errore. Durante gli spostamenti lunghi porto sempre con me film, serie tv e fumetti in formato digitale. Odio stare in aereo, autobus o in qualsiasi altro mezzo di trasporto per tanto tempo, senza aver nulla da fare.

  4. La mia Action-Cam

    Per la sua versatilità. Per ora sto ancora imparando ad usarla quindi ho una Wiminus 4k. Non è di grande qualità infatti, sia i video, sia le foto non sono un grande spettacolo ma considerando il costo – di 50 Euro – è ottima per fare esperimenti e imparare senza esser troppo preoccupati della sorte della videocamera. Acquistabile sempre su Amazon: https://goo.gl/ZFubvi

  5. Dei super calzettoni da caccia

    Non sono per niente freddoloso, ma se i miei piedi iniziano ad essere freddi, piano piano inizio ad aver freddo in tutto il corpo, e non riesco a godermi appieno l’esperienza che sto affrontando. Quindi, dei calzettoni doppi e di lana, da caccia, mi accompagnano ovunque d’inverno. D’estate, invece, amo girare a piedi nudi. Per questo come calzature utilizzo sandali, ciabatte o infradito.

La top 5 di Ida

  1. Il powerbank

    Arrivati a questo punto, inutile prendersi in giro: lo smartphone domina le nostre vite. Qualsiasi sia il mio bisogno in viaggio, lui me lo soddisfa: scattare la foto di un bel paesaggio, girare un video per immortalare un momento importante, informarmi su un monumento o sul folklore di un paesino, aggiornare i canali del blog… Per tutte queste e per molte altre ragioni, avere il cellulare sempre carico è per me decisamente indispensabile.

  2. Snack da viaggio

    Ragazzi, diciamoci la verità, mi piace mangiare (dolci in special modo). Se mi si prospettano ore di camminata, che siano per le strade di una città, tra i viottoli di campagna o su ripide salite montanare, ho la necessità di consolarmi con un bel premio. Per non sentirmi troppo in colpa, solitamente mangio barrette al cioccolato della Fitness, oppure, se Davide è in una delle sue giornate da fissato per la linea mangio frutta. E poi quando non guarda una barretta al cioccolato 😀

  3. Il beauty-case con il necessaire

    Potrebbe sembrare un po’ frivolo ma senza determinati prodotti non saprei resistere. Parlo di: crema idratante (purtroppo ho una pelle mista – la peggiore! – che si secca terribilmente con il freddo e con il caldo, ma diventa terribilmente oleosa se non uso i giusti prodotti); crema solare, per via della mia carnagione molto chiara e stick labbra, perché la pelle è particolarmente sensibile, si spacca molto facilmente e inizia a bruciare. E infine, anche un po’ di make-up, per non spaventare chi incontro sul mio tragitto XD

  4. Un’agenda, anche detta “diario di viaggio” o “compagno di avventure”

    È a lei che confido tutte i pensieri e le sensazioni provate durante l’itinerario. E adoro rileggere le sue pagine, nelle domeniche invernali, sotto una coperta, con una cioccolata calda in mano. Del resto, è vero, le foto riescono a immortalare i momenti, ma per me sono le parole la vera chiave in grado di aprire il lucchetto delle emozioni.kira-auf-der-heide-330895

  5. Le cuffie

    Un buon viaggio dev’essere accompagnato da della buona musica. Quelle canzoni che poi, inevitabilmente, diventano la colonna sonora di un’avventura. Quelle note che, a distanza di anni, mentre sei in un bar o in una stazione di servizio, mentre fai la spesa o passeggi in un negozio, all’improvviso si espandono dalle casse a muro e ti penetrano le ossa riportando a galla emozioni sopite, di un viaggio lontano nel tempo e impresso nel cuore.

So che avevo a disposizione solo 5 articoli da nominare ma non posso fare a meno di parlare di un ultimo INDISPENSABILE prodotto da portare in viaggio: un buon libro. In treno, aereo, pullman o auto, adoro immergermi nella lettura di un romanzo e vivere contemporaneamente 2 avventure: quella del protagonista e la mia.

Adesso però tocca a voi… qual è la vostra top 5?